8 marzo 2018. Le Donne meritano questo giorno.

Donne oggi è il giorno della festa, o forse no. Per alcuni aspetti, è sempre un giorno amaro l’8 marzo, perché arriviamo ogni anno a questa data con molte donne uccise per mano di esseri inqualificati. Proprio per questo motivo Moda e Style sottolinea l’importanza di celebrare questo giorno in segno e rispetto verso coloro che l’8 marzo lo meritano tutto.

Non torniamo a parlare delle origini di questa festa, ma ci teniamo a sottolineare che, come in tutte le altre ricorrenze da calendario, questo è un giorno a cui pensiamo si debba dare la giusta visibilità. Altrimenti non avrebbe senso “festeggiare” nulla. Ci appelliamo allo spirito di coerenza e alla sensibilità di ciascuno di voi, auspicando che si dia il giusto valore a ogni giorno, 8 marzo compreso.

Mimose o no, Donne questo è il giorno di tutte noi. E’ il giorno, soprattutto, di Jessica, Pamela, Antonietta, Alessia, Martina e molte altre Donne vittime della violenza di un uomo. Vogliamo dedicare a loro, ma anche a tutte le donne che ogni giorno, compreso l’8 marzo si adoperano per vivere e sopravvivere in una società ostile, talvolta maschilista. Ma è anche vero che il rispetto della persona non è “cosa” da attivarsi solo tra sessi opposti. Ci sono donne che questo giorno, a nostro avviso, non lo meritano proprio: parliamo delle donne assassine, che siano madri o scarti della società, parliamo di quelle cattive, invidiose, delle negative. Ecco per quelle donne non c’è il nostro augurio, anzi pensiamo che non si possano considerare neanche donne, ma femmine. Perché essere Donna è una conquista, non uno stato di fatto. Si dice “diventare donna” non a caso. Nasciamo tutte femmine, ma solo crescendo diventiamo Donne.

Essere Donna per noi di Moda e Style è rispettarsi e rispettare. Vivere con onestà e consapevolezza. Alle donne è riconosciuto un altro pregio: la forza. La forza di rialzarsi dopo un sopruso, la forza di difendere la propria famiglia. La forza di andare contro un sistema, che in teoria dovrebbe difenderle, ma che in pratica non lo fa.

Oggi 8 marzo 2018 è la giornata mondiale delle donne. Festeggiatelo bene e continuate a farlo nei giorni a seguire. Se volete un suggerimento, vi consigliamo di passarlo al cinema con chi volete, perché oggi esce in tutte le sale Nome di Donna, la storia di una donna, interpretata da Cristiana Capotondi, costretta a subire abusi sessuali sul posto di lavoro,  che decide di ribellarsi, trovando però non pochi ostacoli sul suo percorso, alcuni dei quali l’ostilità delle colleghe. In questa pellicola emerge tutt’oggi uno spaccato della società in cui viviamo, che a nostro avviso, fa venire i brividi, perché nonostante viviamo in un Paese definito “evoluto” ci troviamo ancora oggi a combattere con tante, troppe forme di violenza, che non riusciamo a sconfiggere del tutto, purtroppo. Ne sono dimostrazione i continui episodi di cronaca, che tingono di rosso le vite di tante donne. Il copione è sempre lo stesso, a noi piacerebbe che vi fosse un regista in grado di cambiarlo, o un supereroe capace di arrivare nel momento del bisogno o, forse, più realisticamente parlando di Istituzioni che ascoltano e intervengono tempestivamente. Questa si chiama prevenzione.

Vi lasciamo con un’immagine semplice, che a noi piace molto, il volto di una donna invaso da tanti colori. Buona festa della donna a tutti.