Ghost il musical, brividi ed emozioni al Nazionale

foto 1Debutto con bufera per Ghost il musical. Ieri in occasione dell’attesa prima della versione teatrale del famoso film con Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Godlberg, si è abbattuto a Milano un forte temporale, che sembra aver portato molta fortuna allo spettacolo. Parterre colmo di Vip (nella foto insieme a Moda e Style, Cristina e Benedetta Parodi e Geppy Cucciari), consensi e applausi durante le scene più clou del musical.

Ricordiamo i principali protagonisti dello spettacolo: Salvatore Palombi, nei panni di Sam, Ilaria Deangelis nel ruolo di Molly, Loretta Grace, fantastica Oda Mae Brown e Cristian Ruiz per il personaggio di Carl.

Fedele in quasi tutte le sue parti al copione originale, Ghost il musical non ha deluso le aspettative e ha retto, a nostro parere, il difficile paragone con il lungometraggio della Paramount Pictures. Musiche e testi molto d’impatto, soprattutto per i più sentimentali. La scena iniziale si apre con il brano “Qui Sarà“, che narra la felicità di Molly e Sam per l’inizio della loro convivenza nella nuova casa, per poi passare all’energico “Di più“, che vede foto 4protagonista l’arrivista Carl e la sua brama di arricchirsi che poi lo porterà all’uccisione del suo collega e amico Sam. Immancabili le note di “Unchained Melody” e la mitica scena del vaso di creta, che è tra le più celebri del film.

Tra le scene più applaudite e apprezzate dal pubblico in sala, l’incontro tra Sam e la medium/sensitiva Oda Mae Brown, interpretata lo ricordiamo da Loretta Grace, che ha saputo incarnare perfettamente le gestualità e l’ironia della Goldberg. Semplicemente superba (non a caso gli applausi più calorosi sono andati a lei). foto 3Toccante, come da previsioni la scena della morte di Sam e la disperazione di Molly, che canta “Tu”, la perdita di un amore che non tornerà più, il dolore di chi resta, nonchè la forzosa accettazione dell’assenza della persona amata, nonostante l’immensa tristezza.

Commozione inevitabile per la scena finale quando Sam e Molly si devono dire addio. “Ti amo Molly, ti ho sempre amata, È meraviglioso, Molly, l’amore che hai dentro. Portalo con te. Addio“. Parole “pesanti” che la donna avrebbe voluto sentirsi dire in vita dal suo compagno, che per qualche ragione non riusciva ad esternare (forse erroneamente pensando che bastava dimostrare i suoi sentimenti). E, qualunque sia il vostro pensiero in merito, sono arrivate troppo tardi. Ma, nella vita si sa, meglio tardi che mai…

Complimenti al cast, a produttori e registi e alle personalità che abbiamo incontrato, che hanno voluto condividere con noi questa serata densa di emozioni. Torneremo a parlare di Ghost il musical molto presto… magari non i protagonisti! Stay tuned!