Il perchè di una truccatrice professionista…

Immaginatevi la scena… Siete in ascensore, state per presentarvi al colloquio di lavoro della vostra vita, quello che, lo sentite, lo sapete, cambierà per sempre la vostra carriera…Per l’occasione avete comprato un tailleur di Armani, avete abbinato una camicetta di seta, siete andate dal parrucchiere per una messa in piega ad hoc, il giusto mix fra l’elegante e il sobrio.
Seconda scena: vostro marito si sta preparando per andare alla presentazione più importante della sua carriera, quella che gli permetterà di acquisire un cliente che disporrà di un budget milionario e che quindi gli farà guadagnare una promozione. Per l’occasione ha indossato il suo abito più bello, ha comprato una cravatta da 50€, ha fatto lucidare le scarpe da un professionista. Per sicurezza oltre al PC ha portato anche l’ipad. Insomma ha pensato davvero a tutto.
Terza scena: tutto è pronto. Il vostro futuro marito sistemato come non l’avete mai visto, il vostro abito è stupendo, la chiesa addobbata con gusto, gli invitati vestiti a festa e un’auto di lusso che vi attende fuori casa, decorata con splendidi fiori, il vostro bouquet è semplice ma raffinato, e l’autista vi attende per aprirvi la portiera e farvi salire…
Ecco…ora immaginate anche: di avere scarpe e borsa da 20€ presi al grande magazzino sotto casa e le calze smagliate…
che vostro marito usi al posto di una bella borsa porta-PC, uno zainetto di quando andava all’università e che la camicia sia macchiata di caffè…
Un incubo vero?? E perché non dovrebbe essere un incubo andare all’altare con capelli e trucco fatti in casa da mani inesperte?
In questo momento di crisi è comprensibile che non si voglia spendere 1000€ fra trucco e parrucco, ma non è necessario spendere tanto per avere un lavoro ben fatto e da professionisti.
C’è chi si stupisce per il costo del trucco (non voglio entrare nel tema acconciature perché non mi compete), ma bisogna rendersi conto del tempo, dei prodotti, della professionalità e della pazienza che ci vogliono per ottenere un buon risultato.
Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta:
Preparazione della sposa: non considerate solo il tempo necessario all’esecuzione, parliamo anche di quello che ci vuole fra andare e venire e a preparare pennelli e prodotti. Spesso per raggiungere una cliente ci vuole un’ora o più!
Prodotti: fermo restando che ci sono alcune case economiche che fanno ottimi prodotti, il giorno del matrimonio non puoi rischiare: meglio spendere qualcosa in più usando un fondotinta che conosci piuttosto che il contrario!
Professionalità: io sono una di quelle che anche prima di fare questo lavoro si truccava e tanto; truccavo le amiche in varie occasioni e ricevevo molti complimenti. Se ora riguardo le foto di allora, ma anche solo di uno o due anni fa, trovo mille difetti. Non affidatevi alle mani di vostra nipote o cugina solo perché sono appassionate! La passione ci vuole certo, ma l’esperienza di un professionista è ben altra cosa! E non è (solo) una questione di studio, ma proprio di aver già avuto a che fare con mille altre donne con diecimila problemi diversi. Credetemi, prima di accettare di fare spose ho lasciato che scorresse molto tempo, ho fatto in modo da avere abbastanza esperienza da essere sicura di non commettere sciocchezze. Volete andare dall’estetista che vi chiede 30/40€ senza nemmeno fare una prova? Liberissime, ma sappiate che un professionista se è abile nei massaggi e nelle cerette difficilmente sarà abile anche in qualcosaltro (non puoi saper fare tutto e tutto bene!); bisogna inoltre considerare che la bravura nasce dalla continuità con cui si effettua un lavoro: siete più brave a preparare un piatto che fate una volta al mese o una volta all’anno? Che avete fatto spesso in passato ma non fate più da anni o uno che avete fatto 10 volte solo negli ultimi 2 mesi?
Inoltre chi lavora in un centro estetico difficilmente si muoverà da lì, dovrete andarci voi e il giorno del matrimonio, credetemi, non avrete la testa. Senza contare poi che magari quel giorno il centro è chiuso…
Pazienza: ce ne vuole, e tanta. Spesso la sposa non sa bene quello che vuole e ci vogliono quattro prove, oppure è soddisfatta della prima prova ma il futuro marito non approva, oppure la sposa decide di lampadarsi o di prendere il sole senza protezione e a settembre ti trovi con una persona praticamente diversa da truccare, oppure la sposa ha un angioma viola E le lentiggini arancioni, le vuole coprire ma non vuole che il fondo segni e faccia strato (!?!?!?!?)
Inoltre pensiamo al servizio che un professionista può offrirvi: io personalmente posso fare molte altre cose, per esempio mi occupo di trucco e capelli di testimone o altri invitati, eseguo servizi correlati, come tinta e permanente delle ciglia o l’applicazione dello smalto, fornisco la wedding pouch, un astuccio contenente il necessario per i ritocchi del trucco, assisto la sposa nella vestizione in modo che i familiari siano liberi di terminare la loro preparazione.
E, a proposito delle prove, fatele…almeno una! Vi eviterete un sacco di noie nel giorno che dovrebbe essere il più bello della vostra vita!

Per sintetizzare: ogni ruolo richiedere una certa professionalità, non affidereste la vostra salute a un ‘appassionato’ di medicina, giusto? E non affidereste il controllo dei vostri freni o del motore a un ‘appassionato’ di motori, vero?
Quindi pensateci 2 volte, magari scegliete di spendere di più per i capelli e meno per il trucco o viceversa, ma affidandovi comunque a un esperto.
In ogni caso, congratulazioni e divertitevi!!

 

Ilaria Previati