Giornata mondiale del sonno. Le regole per dormire bene

by Monica Renna

Dormire poco e male nuoce gravemente alla salute. Pensiamoci bene. Non basta una quantità indefinita di caffè per rigenerarsi, serve dormire bene e per un tempo necessario al nostro corpo. In occasione della giornata mondiale del sonno, Moda e Style dedica un articolo alla capacità di dormire bene, fornendovi qualche dato e qualche consiglio che non fa mai male.

Abbiamo raccolto le informazioni che ci sono pervenute in redazione dai vari brand che si sono fatti promotori di questa giornata e ve facciamo un breve riassunto.

Una giornata fantastica comincia dalla notte prima. E’ questo il principio che ha dato il via al progetto di e-commerce della londinese eve sleep, che riguardo al buon sonno suggerisce poche semplici regole:

Mantenere la temperatura della camera attorno ai 19,8 gradi
• Aspettare 27 minuti dall’ultima volta che si è controllato il telefono prima di coricarsi
• Tinteggiare di bianco le pareti della camera da letto
• Rannicchiarsi sul fianco destro
• Dormire con due cuscini
• Dormire possibilmente 8 ore andando a letto attorno alle 22.55

Scommettiamo che molti di voi trasgrediscono almeno una di queste regole. Quali sono le conseguenze a breve termine di un cattivo sonno? Ritroviamo queste importanti informazioni nella guida fornita da Dorelan, che proprio nella giornata del 16 marzo presso i suoi negozi fornirà consulenze gratuite sul tema e regalerà la guida al benessere del sonno.

Torniamo alle conseguenze a breve termine di un cattivo sonno, che sono nell’ordine:

• Ridotta capacità di percepire gli stimoli dell’ambiente circostante
• Diminuzione dei tempi di reazione (i muscoli sono più lenti a rispondere)
• Difficoltà di concentrazione e carenza d’attenzione
• Fatica e sonnolenza diurna
• Cambiamenti d’umore e irritabilità
• Disorientamento, vuoti di memoria
• Aumento del rischio di incidenti sul lavoro o di circolazione

Ma, esistono anche le grandi “patologie” del sonno, vere e proprie malattie, monitorate, studiate e curate dalla Medicina del Sonno. È il disturbo del sonno più diffuso e consiste nell’incapacità di addormentarsi anche di fronte alla necessità fisiologica di farlo. È un’esperienza diffusa, a causa di stress, di una vita poco sana o irregolare, dell’uso e dell’abuso di sostanze eccitanti. Ma nella sua forma cronica può avere gravi conseguenze per la salute.

È l’esatto contrario dell’insonnia: si accusa difficoltà a svegliarsi o nel riuscire a rimanere sveglio. Una particolare forma di ipersonnia è la narcolessia: chi ne soffre viene colpito da sonno improvviso, anche più volte al giorno, e può essere preda di allucianzioni diurne e di stati di paralisi del sonno.
Le persone che ne soffrono accusano interruzioni del respiro durante il sonno, più volte nel corso della notte: i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono e ci si risveglia con tosse e sensazione di mancanza d’aria o di respiro. Spesso l’apnea notturna è associata ad obesità e russamento.

Conseguenze a lungo termine di un sonno insufficiente:

• Perdita dell’attenzione, di efficacia e motivazione
• Fragilità emotiva e irritabilità – depressione Infiammazioni e diminuzione delle difese immunitarie
• Metabolismo “perturbato”, con rischio di diabete e di obesità
• Ipertensione arteriosa Malessere fisico e dolori
• Difficoltà di apprendimento

Le persone che trovano difficoltà nell’addormentarsi o nel mantenimento del proprio sonno notturno, che soffrono di insonnia o disturbi del sonno anche di minore entità, spesso avvertono un affaticamento nello svolgere le attività quotidiane, senza la consapevolezza che le cause di queste difficoltà possono essere individuate nel cattivo livello del riposo. Proprio per questo dedicare attenzione alla qualità del sonno significa investire nel benessere e nel miglioramento della propria vita, sonno dopo sonno, giorno dopo giorno.
Ma il ciclo sonno-veglia ha una valenza biunivoca: se infatti un cattivo riposo ha pessime ripercussioni sulle nostre giornate, anche ciò che facciamo durante il giorno incide con forza sul nostro sonno

Ecco qualche semplice ma efficace accorgimento per favorire, durante le ore di veglia, la possibilità di avere una dolce e corroborante notte di riposo.

PICCOLO MANUALE PER INSONNI
Regola numero 1: curare l’alimentazione. Una dieta sana ed equilibrata favorisce il giusto apporto di sostanze utili al nostro corpo e al nostro riposo.
Fare sport: una costante ed adeguata attività fisica ha grandi benefici sul nostro riposo e sul nostro benessere.
Non privarsi mai del sonno: riconosciamo, invece, che dormire è essenziale per la salute e la felicità tanto quanto l’esercizio fisico e una sana alimentazione!
Stop allo stress. Fare un bagno caldo prima di addormentarsi, distendersi in silenzio sul divano o praticare il Training Autogeno sono ottime strategie per rilassare la mente ed il corpo, preparandolo ad una notte di dolce riposo.
La meditazione, in particolare, può essere un rimedio efficace nel trattare l’insonnia e i disturbi legati al sonno: meditare aiuta a rilassare la mente calmando il flusso dei pensieri che spesso sono causa delle nostre preoccupazioni.
Creiamo un nostro personalissimo rituale della buonanotte: qualcosa che ci piace fare, ci rilassa e possa accompagnarci dolcemente al sonno… Ad esempio leggere un libro, scrivere una pagina di diario oppure praticare un automassaggio con oli essenziali o una crema profumata.
Madre Natura ci fornisce tutta una serie di erbe e fiori che preparati e miscelati dalla millenaria sapienza dell’uomo rappresentano dei potenti alleati per un buon riposo. Camomilla, Valeriana, Fiori di Biancospino e Melissa sono alcune tra le tisane più efficaci per favorire l’insorgere del sonno.
Anche i colori e i profumi hanno un potere benefico sul nostro riposo, come insegnano la cromoterapia e l’aromaterapia: il blu, il verde ed il rosa sono le tonalità che favoriscono un buon sonno, mentre le fragranze di lavanda e gelsomino hanno forti poteri di riduzione degli stati di ansia e stress.

IL SONNO TRA COSMESI E ACCESSORI PER UN BUON RIPOSO
Oltre a un buon materasso, come quelli firmati eve sleep, per curarci pre e post dormita, ci servono due alleati irrinunciabili: make up e cuscini e piumini avvolgenti.

Partiamo dai componenti del nostro letto: Cinelli Piume e Piumini propone guanciali con diverse forme e composizioni interne per garantire il corretto sostegno del corpo e un riposo ottimale durante le ore di sonno: guanciali in piuma per chi desidera il massimo in fatto di morbidezza e naturalità; guanciali della salute per chi è alla ricerca di una soluzione in grado di favorire il giusto posizionamento della nuca e della schiena; guanciali in fibra ideali per chi vuole un prodotto antistatico e antiacaro; guanciali in lattice capaci di garantire un ottimo ritorno elastico e capacità di sostegno della testa; guanciali in visco elastico che si adattano modellandosi alla testa grazie alla termosensibilità che li contraddistingue.

Spazio anche ai piumini, differenziati per stagionalità: visto l’imminente arrivo della primavera ci soffermiamo sui modelli Spring*** per ambienti riscaldati costantemente, con temperatura superiore ai 20°, o per la mezza stagione;
Summer** per la mezza stagione in aree con clima non freddo o con aria condizionata intorno ai 23°; Summer Light* per il periodo estivo quando la temperatura fuori è calda oppure in caso di camere con aria condizionata intorno ai 24°.

Dulcis in fundo, i cosmetici per la notte!
Due i prodotti che vi consigliamo: SEPHORA COLLECTION Crema notte antietà globale Stimolatrice di collagene, che agisce come un vero e proprio “allenatore” cutaneo, colmando istantaneamente le carenze di collagene della pelle e stimolandone la produzione notte dopo notte. Come si utilizza? Applicandola tutte le sere su viso e collo.

PATCHOLOGY FlashPatch, ovvero Patch gel rigeneranti notte per gli occhi, ricchi di ingredienti idratanti, per un risultato a lungo termine e uno sguardo più riposato. Facili da utilizzare, risultati senza sforzo. Come si utilizzano? Applicando un paio di patch gel sulla zona occhi pulita. Lasciare in posa 5 minuti (o di più se lo si desidera), preferibilmente la sera prima di coricarsi. Rimuovere dopo la posa e massaggiare il prodotto in eccesso fino a completo assorbimento.

Related Posts

Leave a Comment