Regalate la magia, il divertimento e l’emozione del Teatro a Natale

by B.E.

Una serata a teatro? Moda e Style vi propone un articolo insolito, che può trasformarsi in un’originale idea regalo: il Teatro e gli spettacoli a Milano tra la fine dell’anno e gli inizi di quello nuovo.

Il Teatro come spesso abbiamo sottolineato, è luogo di condivisione, puro abbandono, scarico delle tensioni accumulate, sovente rappresentazione della realtà quotidiana e talvolta recipiente dove fantasia, invenzione, creatività, traboccano e volano leggere sul palco, suscitando stupore. Il Teatro è fonte di emozioni, libera sorrisi e risate, è la medicina migliore contro noia, tristezza, agitazione e apatia.

Come una sorta di carosello vi indichiamo di seguito gli spettacoli in calendario tra la fine del 2019 e gli inizi del 2020.

Teatro Manzoni – Ale & Franz in NATI SOTTO CONTRARIA STELLA fino all’1 gennaio 2020

Spettacolo che calca con successo da diversi anni il palcoscenico dei principali teatri italiani, grazie all regia di Leo Muscato. La compagnia è Enfi Teatro, il cast è quasi nuovo, salvo Marco Gobetti presente dalla prima rappresentazione.

Nati sotto contraria Stella giunge in un momento cruciale per la carriera di Ale & Franz, a 25 anni dalla nascita del loro sodalizio. Arriva, come l’occasione per cimentarsi in qualcosa di diverso, nella prosa. Lo spettacolo è la rappresentazione della celebre e tragica storia d’amore tra Gulietta e Romeo, impersonata rispettivamente da Ale e Franz.

Nati sotto contraria stella

I personaggi sono gli stessi che ruotano intorno alle figure principali dei due innnamorati, il linguaggio rispetta quello shakespeariano, ma chi si cimenta in questa rappresentazione è un gruppo di comici, che tenta disperatamente di far qualcosa di appassionante che possa suscitare clamore nel pubblico; e li possa elevare a un gradino più alto in quella che è la loro umile professione, il cui percorso lavorativo è scarso di riconoscimenti.

I comici si sono affaccendati con i loro mezzi nel creare i costumi, la scenografia, mettendoci l’anima per ricreare l’atmosfera veronese: il risultato sarà catastrofico e susciterà risate, almeno agli inizi, al comparir di ciascuno sulla scena, anche perché gli incidenti di percorso saranno molteplici e metteranno a dura prova la loro recitazione.

L’opinione di Moda e Style

Ogni attore riveste il ruolo di più personaggi, a Moda e Style è piaciuto molto Marco Zannoni, il Figurante (nei panni di Servo Capuleti, Benvolio, Balia, Frate Lorenzo) la sua simpatica balbuzie ha messo in difficoltà la recitazione degli altri, già di per sé compromessa. E’ stato non di meno divertente vedere un posato Franz che tenta col suo piglio serioso di portare a casa lo spettacolo e un Ale romantico che recita quasi sussurrando e con dolcezza, dimentico dei raffazzonati abiti indossati.

Tra gli altri attori il Promiscuo Eugenio Allegri (nei panni di servo Montecchi, Mercuzio, madonna Capuleti, Fra Lorenzo), l’Avventizio Marco Gobetti (Servo Montecchi, Baldassarre, Patron Capuleti, Frate Lorenzo, Principe della Scala), il Direttore Paolo Graziosi (Servo Montecchi, paride, Tebaldo, Principe della Scala). Tutti interpretano tutti, una nota che evidenzia quale sia la forte compattezza che si è creata nel gruppo nel corso del periodo dedicato alle prove.

Uno spettacolo che si apre ridendo nella parte iniziale, per poi arrivare alla commozione. Presente alla prima, Moda e Style si è sentita partecipe dell’ansia dei personaggi per la loro missione: portare a termine la rappresentazione ad ogni costo. L’impegno, la costanza, la caparbietà hanno suscitato ammirazione e applausi.

Teatro ManzoniFESTIVAL DELLA MAGIA – V edizione dal 2 al 6 gennaio 2020

Si rinnova ancora, per il 5° anno consecutivo l’appuntamento con la Magia, per la gioia di grandi e piccini. Sotto la direzione del simpaticissimo Raul Cremona e le incursioni di Felipe, per la regia di Giordano Riccò, produzione Amaca, sfileranno i seguenti maghi, illusionisti e prestigiatori: da Taiwan Anson Lee, dalla Serbia Igor Trifunov che vi sveliamo essere l’unico al mondo che manipola bottiglie di champagne, dall’Italia Jordan, dalla Francia Lord Martin e l’ospite d’onore Otto Wessely.

Festival della Magia

Due ore che trascorreranno piacevolmente, durante uno show suggestivo adatto alla famiglia. Raul Cremona sottolinea la sua gioia nel regalare al pubblico milanese, per il 5° anno un’occasione speciale, libera dalle contaminazioni televisive, e dalla tecnologia, l’essenza della magia, quella degli albori, arricchita da nuovi giochi ovviamente, quella che si rivelava agli occhi degli spettatori, senza filtri o schermi.

Teatro Nazionale CheBanca!Vincenzo Salemme in “CON TUTTO IL CUORE” dal 14 gennaio 2020

Dopo il tutto esaurito al Teatro Manzoni nella scorsa stagione, Vincenzo Salemme sbarca con la sua collaudata e bizzarra compagnia al Teatro Nazionale Che Banca! Fulcro della vicenda è il mite insegnante di lettere antiche Ottavio Camandoli, che subisce un trapianto di cuore, ignaro che l’organo trapiantato proviene da un feroce delinquente, ucciso, la cui ultima volontà, è essere vendicato da chi riceverà il suo cuore.

Con tutto il cuore

Il carattere forte, violento e il passionale temperamento del delinquente è lontano da quello di Ottavio che suo malgrado vedrà crescere in sé una trasformazione che lo porterà come in “processo kafkiano” a diventare duro, cinico e dal cuore di pietra. A riprova che le gli eventi della vita possono far emergere lati nascosti del nostro carattere, ammorbidirlo o conferirgli una scorza dura da scalfire.

TEATRO DELLA LUNATILT fino al 28 dicembre

TILT è uno spettacolo liberamente ispirato al film capolavoro di Steven SpielbergReady Player One“, i migliori artisti del Cirque du Soleil e del Circo contemporaneo Mondiale si esibiranno in performance strabilianti.

Dopo il successo del primo spettacolo ALIS presentato da Le Cirque World’s Top Performers, l’emozione prosegue per colorare e arricchire il cartellone teatrale Natalizio di quest’anno. La direzione artistica è firmata da Anatoliy Zalevskyy, anch’egli in scena per esibirsi nel suo celebre “White Act”, premiato, tra gli altri, con il prestigioso Clown d’Oro al Festival del Circo di Montecarlo.

Tilt

Per il pubblico sarà un continuo assistere alle incalzanti e fantastiche acrobazie, per 90 minuti che sicuramente vorrete allungare come fascia di tempo, 24 i formidabili artisti che sapranno stupirvi.

Al Teatro della Luna I Legnanesi con “Non ci resta che ridere”, dal 31 dicembre 2019 all’8 marzo 2020

I Legnanesi, che da anni, sull’onda della milanesità, contagia con la sua allegria i principali teatri del nord, sono sempre più orientati, data la facile comprensione del loro parlato dialettale a invadere con la loro simpatia anche il centro e il sud Italia: questo è il proposito dichiarato in fase di conferenza stampa da Antonio Provasio, noto come Teresa.

Nel cast del nuovo spettacolo vi segnaliamo il debutto di Lorenzo Cordara nei panni di papà Giovanni Colombo, taciturno, schivo e passivo all’esuberanza dell’energica moglie Teresa, se non per via di qualche “sbuffare” quà e là.

Quest’anno, sull’onda della ricorrenza legata ai 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, lo spettacolo si rivelerà un tuffo nel passato, per ricordare o riscoprire la cultura popolare e raccontare storie quotidiane con una comicità pulita, semplice ma sempre efficacie. La storia partirà da un viaggio a Parigi, dove la Famiglia Colombo ammira la Gioconda, covando l’intenzione di riportarla in Italia, incurante del sortilegio legato al quadro. Giovanni porterà a termine il misfatto, ruberà Monna Lisa e si troverà catapultato nel 1504 insieme ai familiari.

Tanti i personaggi che incontreranno durante il loro viaggio nel tempo, l’austero Leonardo (Giovanni Mercuri), l’intraprendente Gian Giacomo Caprotti detto il Salai (Maicol Trotta), l’avvenente Monna Lisa (Franco Cattaneo), Michelangelo (Francesco Pellicini) e il poco statuario David (Mauro Quercia), in una esilarante girandola di humour condita dalla loro milanesità.

Antonio Provasio regista dello spettacolo, ha firmato i testi con Mitia del Brocco. La Tour Eiffel farà da sfondo a una scintillante Mabilia (Enrico Dalceri), diva tra le dive, splendida in un abito da favola nel Gran Can Can de I Legnanesi.

L’opinione di Moda e Style

Vi consigliamo di passare le feste in compagnia de I Legnanesi che da 70 anni riempiono con successo tanti teatri: l’umorismo schietto, il prendersi in giro, il forte legame con le proprie origini, li ritroviamo nei simpatici aneddoti dei racconti delle nonne, di un infanzia che si è svolta all’interno di una casa di cortile in Brianza, dove pochi erano i mezzi a disposizione per divertirsi e del tutto assenti i giocattoli. Sono stati strumenti efficaci per “tirare avanti”, sopravvivere, cercando di condurre una vita normale nonostante la drammaticità e la ferocia della guerra.

I Legnanesi hanno la capacità di portarti indietro, ai tempi vissuti dai nonni, con un occhio sempre attento alle vicende attuali, lasciando intatta la voglia di sognare, perché i sogni restano e resteranno gli stessi, fin dai tempi che furono e che saranno.

Moda e Style si augura di avervi dato suggerimenti utili per i vostri regali di Natale, ricordate che il Teatro fa bene allo spirito!

Con affetto.

Related Posts

Leave a Comment