Puma, partnership e progetti, in nome dello sport

by B.E.

PUMA. Non solo scarpe, ma anche collaborazioni, progetti e iniziative con personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport. Curiosa di saperne di più, Moda e Style è entrata nel mondo Puma scoprendo alcune attività legate alle sue collezioni.

Interessante, accattivante. Puma è un marchio in continua evoluzione. Negli anni ha acquisito anche uno spirito green, che si concretizza nel reale impegno ambientale che tocca il ciclo produttivo dell’azienda, ma soprattutto nella proposta di iniziative che rendono più utile il tempo di permanenza a casa, coinvolgendo il pubblico in modo diretto.

PUMA e Charlotte Olympia

Il sodalizio tra PUMA e Charlotte Olympia hanno dato vita a una collezione di calzature, abbigliamento e accessori dall’anima graffiante, grazie a frange e stampe leopardate, ispirati al mondo del pugilato e alla vecchia Hollywood.

La collezione si distingue per l’iconico logo spiderweb, la stampa leopardata e il ricamo felino Kitty, per la realizzare look glamour, piacevolmente contaminati dal tocco sportivo sinonimo di praticità e comodità.

Sneakers

PUMA x Charlotte Olympia Rise sfoggia una palette appariscente a cui si sovrappone la zona del tallone in paillettes, e un intersuola rosa pallido rifinita con un dettaglio in TPV metallico, tomaia in mesh con sovrapposizioni in vernice nera e cuciture a zig-zag rosse.

Abbigliamento

Moda e Style ha scelto la giacca sportiva TFS AOP Track Jacket con stampa leopardata dalla forte personalità, gli shorts dalle intriganti frange e il top che vi catturerà attraverso le fitte trame della costruzione posteriore a ragnatela. Tanti sono i capi tra cui potrete scegliere per rendere originale e arricchire il vostro guardaroba.

PUMA e Cara Delevingne

PUMA punta ancora sul fashion, con la presentazione di una nuova sneaker da donna indossata da Cara Delevingne, brand ambassador di PUMA: La sneaker Rise unisce la tecnologia RS a uno stile da passarella.

La sneaker Rise vi permetterà di “volare” grazie alla tecnologia di ammortizzazione avanzata e innovativa RS di PUMA: sneaker votata a donare a tutte le donne dinamiche il massimo comfort; costruzione originale, linee morbide e opulenta.

Tomaia in tessuto trasparente, con rivestimenti in pelle e suede: materiali di primissima qualità per una scarpa portentosa!

PUMA e Rhude

PUMA x Rhude offre badge reinventati, marchio e grafiche più fresche, una linea ispirata al mondo del motorsport con i colori e il design minimal di Rhude.

Sneaker Performer x Rhude

Dotate di una tomaia in nabuk con inserti in nylon, un mix di dettagli riflettenti a cui si aggiungono sovrapposizioni di pelle rosa, toni tenui e sovrapposizioni in suede, intersuola in EVA, suola in gomma e il Formstrip scamosciato : una scarpa sportiva che mette in campo tecnologia, attenzione al dettaglio, conoscenza approfondita dei materiali e uno stile indiscutibilmente moderno.

Abbigliamento

Tra i capi della collezione presentiamo l’Utility Vest, pratico gilet in cotone dalla confortevole vestibilità, con cinturino in tessuto e fibbia in plastica, chiusura frontale con bottoni a pressione di metallo, tasche sempre frontali con zip e logo PUMA x Rhude.

Passiamo agli accessori con il Bucket Hat PUMA x Rhude, cappello reversibile con una parte interamente riflettente 3-D, e logo PUMA x Rhude ricamato, l’altro lato è nero con la stampa “Nothing’s finished” e l’etichetta in tessuto PUMA.

PUMA e First Mile : Scarpe e accessori sportivi nel rispetto dell’ambiente.

Beyond Recycling è la prima sportwear collection di PUMA e First Mile che aiuta le comunità in difficoltà, composta da scarpe e abbigliamento realizzati con filato riciclato derivato da bottiglie di plastica raccolte da First Mile.

Mai come ora, questa è la speranza di Moda e Style, la coscienza di tutti, nonché delle grandi e piccole aziende, si sta aprendo al problema ambientale, cercando di adottare atteggiamenti, azioni e cicli di produzione volti a salvaguardare l’ambiente, o che si ripercuotano su di esso in misura sempre più inferiore.

First Mile opera in primis a favore della comunità, in particolare nelle micro-economie di Taiwan, Honduras e Haiti, favorendo la creazione di posti di lavoro, impiegando le persone del posto, nella preziosa attività di raccolta di plastica per donarle una “seconda vita” che possa dare “respiro” all’ambiente.

PUMA e First Mile grazie al progetto intrapreso sono riusciti a recuperare plastica e a liberare discariche e oceani da più di 40 tonnellate di rifiuti di plastica solo per la realizzazione dei prodotti per il 2020.

I capi della collezione spaziano da scarpe, tees, shorts, pants e giacche, composti da almeno l’83% fino al 100% del filato più sostenibile proveniente da First Mile. Per saperne di più consultare PUMA.com/FOREVERBETTER

PUMA e Central Saint Martins esplorano le tecnologie sostenibili nella nuova collezione.

PUMA non si ferma nel suo impegno “green”, continua la ricerca di partner e collaborazioni che possano dare una mano concreta all’ambiente.

Il brand ha collaborato con il corso BA Fashion della scuola Central Saint Martins di Londra, per arrivare a tecnologie più sostenibili nella produzione tessile: i risultati di questa fruttuosa collaborazione sono visibili nella collezione “Day Zero”.

Con la collezione “Day Zero” PUMA ha implementato tecnologie di tintura all’avanguardia; come il “Dope Dye”, e la stampa digitale che riducono l’uso di prodotti chimici e acqua.

Il nome della collezione “Day Zero” di PUMA deriva purtroppo dalla carenza di acqua a Cape Town in Sudafrica, dove la siccità ha costretto il governo a fissare una data, il Day Zero, per la chiusura dei rubinetti della città. Per evidenziare questo link è possibile vedere la mappa di Città del Capo in tutta la collezione comprensiva di calzature e accessori.

Grazie alla tecnologia della tintura in polvere PUMA ha utilizzato nella produzione meno acqua; fino al 17,4% a seconda del prodotto, energia e sostanze chimiche.

PUMA e il movimento ai tempi del Coronavirus. La collaborazione con Giulia Calcaterra dà vita al nuovo trai non #PUMAFAM.

PUMA riunisce le sue tre Southern Europe Ambassador @giuliacalcaterra @cristinapedroche e @carolinapatrocinio nel progetto TRAINING AS A #PUMAFAM, che collega grazie alle sue testimonial rispettivamente Italia, Spagna e Portogallo in un unico impegno: spronare i fan e i seguaci al movimento da effettuarsi rigorosamente tra le mura domestiche.

Giulia Calcaterra

Bando alla pigrizia, le tre Ambassador pubblicheranno diverse prove di allenamento, registrate in video dove gli esercizi saranno spiegati passo dopo passo. @giuliacalcaterra proporrà allenamenti Cardio @cristinapedroche esercizi di Yoga e infine @carolinapatrocinio allenamenti adatti a tutta la famiglia.

Carolina Patrocinio

L’intera #PUMAFAM (il gruppo di atleti dei tre Paesi) sarà incoraggiata a partecipare alle sfide e condividere i risultati sui loro social qualsiasi sia la disciplina sportiva praticata. Tutto questo si tradurrà in alcune sorprese che allieteranno voi sportivi “casalinghi”, aiutandovi a trascorrere il tempo di queste giornate primaverili in maniera più piacevole.

Le iniziative e le collezioni PUMA sono consultabili attraverso il sito www.puma.com

Cristina Pedroche

Related Posts

Leave a Comment