Bebe Vio con i campioni olimpici e paralimpici per lo sport

by Monica Renna

Si è svolto il 25 ottobre all’Allianz Cloud di Milano la serata evento firmata Bebe Vio e Art4Sport a favore dello sport integrato con i campioni olimpici e paralimpici. Moda e Style vi racconta, dalla tribuna stampa, emozioni e divertimento.


Una serata che resterà nel ricordo di chi c’era. Emozione, sport e allegria come nell’anima di chi ha voluto fortemente WEmbrace sport, evento sportivo benefico organizzato da Bebe Vio e art4sport, l’Associazione fondata nel 2009 dai genitori di Bebe.

Presentatori d’eccezione Giorgia Rossi e Martin Castrogiovanni, che hanno annunciato e visto scendere in campo campioni delle Nazionali Olimpiche e Paralimpiche per sfidarsi in quattro discipline: scherma, basket, calcio e pallavolo in modalità Paralimpica. Per ogni categoria due squadre: i Red Devils e i White Angels.

Se l’obiettivo era promuovere lo sport integrato e dimostrare come lo sport paralimpico sia a tutti gli effetti paragonabile a quello olimpico sia dal punto di vista della spettacolarità, che da quello emozionale e competitivo, possiamo dire che sia stato ampiamente raggiunto.

Tenacia, forza e determinazione hanno caratterizzato le performance di questi straordinari atleti che, pur con visibili e tangibili difficoltà motorie hanno dimostrato di sapersi destreggiare tra stoccate di scherma, tiri in porta, parate, battute.

I numeri degli atleti paralimpici

Non a caso, con 14 medaglie d’oro, 29 d’argento e 26 di bronzo, la Nazionale Paralimpica ha saputo riconfermare i successi della spedizione Olimpica.

.

Tra gli atleti che hanno preso parte alla serata all’Allianz Cloud di Milano, i cui fondi raccolti sosterranno la mission di art4sport, Daniele Garozzo – medaglia d’argento nella scherma a Tokyo2020 -, la schermitrice Olimpica Mara Navarria, il giocatore di Basket Giuseppe Poeta, i pallavolisti Cristina Chirichella e Matteo Piano e alcune legend di Inter e Milan tra cui Javier Zanetti, Walter Zenga, Serginho Santos, Mauro Tassotti e Maurizio Ganz.

Dal campo alla Tribuna anche molti altri sportivi e artisti come Paolo Maldini che ha donato un’edizione speciale della maglia numero 1 del Milan a Bebe Vio, insieme a Javier Zanetti, Roberto Mancini, Riccardo Ferri, Michelle Hunziker, Andrea Pucci, Rudy Zerbi e molti altri.

Dai campioni alle autorità

Ad un evento così impattante non potevano mancare le personalità e i rappresentati delle associazioni di categoria: Luca Pancalli, Presidente del CIP, Giovanni Malagò, Presidente del CONI, Beppe Sala, Sindaco di Milano, nonché i rappresentanti del Parlamento Europeo e della Commissione Europea Maurizio Molinari e Antonio Parenti.

Diversità si ma quale?

Mondi diversi e spesso resi diversi dalle barriere architettoniche, dai pregiudizi e dalla diffidenza. Mondi uguali, invece, che possono, anzi devono viaggiare di pari passo per aiutare una società con forti limiti, con il limite di pensare che un braccio o due gambe in meno siano solo un handicap. Ma è solo con la sensibilizzazione, solo con serate di questo tipo e con la partecipazione attiva della cittadinanza si può affrontare con più consapevolezza il tema della diversità, emozionandosi di fronte a così tanta forza e passione.

Un concetto ben rappresentato anche dal nome dell’evento: WEmbrace nasce dall’unione delle parole inglesi We Embrace, che tradotte in italiano significano Noi Abbracciamo. Un’azione che può essere compiuta con entusiasmo insieme a un’altra persona ma che è anche da rivolgere a sé stessi.

Non a caso, abbracciare i propri limiti è il primo passo per diventare i primi sostenitori del proprio amore individuale. Ed è proprio compiendo questo passo che la diversità diventa il mezzo che porta ciascuno di noi a definire l’unicità del singolo, identificandolo. Ecco così che lo sport, con i suoi valori e la sua funzione sociale, diventa il miglior compagno in questo percorso di accettazione di sé e di chi ci circonda.

Grazie agli sponsor

L’evento è stato organizzato da art4sport con il supporto di numerosi partner e realizzato anche grazie al contributo del Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei ministri. Hanno patrocinato WEmbrace Sport il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), il CONI, il Comune di Milano e Milanosport. Main Partner dell’evento: Barilla, Toyota, Sorgenia, Nike, Algida (Unilever), Mattel, Costa Crociere, Tommy Hilfiger, Alphazer, Tassoni. Con il sostegno di Intesa Sanpaolo. Tra i Partner Tecnici, invece, ci sono stati: 21 WOL, Cantine Ferrari, Sportissimo e Croce Rossa Milano. I Media partner dell’evento sono stati: La Gazzetta dello Sport, Corriere della Sera, IGPDecaux, Radio Capital, Radio Deejay, DAZN e Telesia.

Le Federazioni coinvolte, infine,sono state: FIS, FIP, FIPIC, FISPES e FIPAV, con la partecipazione straordinaria dei club di calcio AC Milan, FC Internazionale Milano e, per il basket in carrozzina, Briantea84.

Wembrace apre a Bebe Vio Academy

WEmbrace Sport ha fatto inoltre da apripista a un altro grande progetto in cui l’Oro della scherma Paralimpica è impegnata: la Bebe Vio Academy (BVA).
La BVA è un progetto pensato da Bebe in partnership con Nike, organizzato e gestito dall’Associazione art4sport. Sarà la prima accademia italiana a favore dello sport inclusivo con un programma triennale gratuito di attività multi-sportive rivolto a bambini e ragazzi con e senza disabilità fisiche di età tra i 6 e i 18 anni.

Il progetto che comprenderà cinque diverse discipline sportive paralimpiche – quali calcio, atletica, basket in carrozzina, sitting volley e scherma in carrozzina – si svolgerà a Milano, con cadenza bisettimanale, presso il Centro Sportivo Iseo e il Bicocca Stadium.

A dare il via alla Bebe Vio Academy è stata la prima Game Time del l 26 ottobre: il primo momento esperienziale in cui i ragazzi sperimentano, divertendosi, vari sport, partecipando anche a workshop dedicati e incontri con grandi campioni olimpici e paralimpici di ritorno da Tokyo 2020.

Bebe Vio Academy è un percorso che durerà 3 anni con lo scopo di favorire sempre più la conoscenza, l’accettazione e l’integrazione delle diversità partendo dalle nuove generazioni. Gli iscritti all’Academy verranno poi indirizzati verso le società sportive di riferimento per proseguire il percorso iniziato durante le sessioni di allenamento.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni sulla Bebe Vio Academy, https://www.bebevio.com/academy/

Ringraziamo Goigest e tutto lo staff presente all’Allianz Cloud per l’accoglienza e l’invito.

Related Posts

Leave a Comment