Lidl e la sostenibilità, dai numeri agli obiettivi

by Monica Renna

Nei giorni scorsi Lidl Italia ha presentato il bilancio di sostenibilità che mette la nota catena di grande distribuzione organizzata al centro di un importante progetto rivolto a un piano di sostenibilità che coinvolge i dipendenti fino al consumatore finale.

Non è di numeri che vogliamo parlare o elencare in questo articolo, bensì parlare di Lidl, un’azienda nata come discount di periferia fino a diventare una delle insegne più fidelizzate dalle famiglie italiane. Un “supermercato” che negli ultimi anni ha conosciuto un importante cambiamento, si è evoluto in termini assortimentali, qualitativi e di servizi all’utenza.

Noi di Moda e Style, così come noi di Viaggiandodigusto abbiamo percorso insieme a Lidl un cammino fatto di esperienza e curiosità, parlandone come testimoni diretti, attraverso il supporto del comparto comunicazione e marketing dell’azienda, sempre molto disponibile nei nostri confronti. Abbiamo, dunque, unito la nostra expertise di clienti a quella di comunicatori, fornendo a voi i contenuti più adatti e utili a conoscere sempre più da vicino Lidl: dalla moda al food, per passare alle iniziative rivolte alla clientela. Ora però, vogliamo focalizzare questo articolo sull’aspetto “green” di Lidl e su quello, che secondo noi, c’è da sapere per diventare anche più consapevoli e responsaibili in qualità di clienti.

Bilancio di sostenibilità: a che punto è Lidl?

La sostenibilità per molti è un tema, per altri è un obiettivo a lungo termine, ma è soprattutto un impegno in termini di risorse e investimento. In occasione dell’evento “Sulla via del domani: guidare il cambiamento verso consumi sostenibili” che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano, l’Azienda ha diffuso i risultati del suo terzo Report di Sostenibilità 2021-2022 e illustrato la sua nuova strategia di sostenibilità che rappresenta un’assunzione di responsabilità nei confronti del Pianeta e delle Persone.

Consapevolezza, concretezza e convinzione. Questi i tre punti cardine evidenziati da Alessia Bonifazi, Head of Communications & CSR · Lidl Italia, che ha ribadito il focus di Lidl basato su una comunicazione trasparente “Per Lidl la sostenibilità è un’assunzione di responsabilità nei confronti del pianeta e nei confronti delle persone. Al giorno d’oggi un’azienda ha la facoltà e il dovere morale di farsi promotore di un cambiamento in questo senso“. Un’Azienda della GDO come Lidl, date dimensioni e rilevanza sul mercato, ha non solo la possibilità ma anche il dovere di svolgere un ruolo attivo, facendosi promotrice di un cambiamento verso un futuro che sia rispettoso dell’ambiente, che metta la persona al centro delle attività e che contribuisca a un consumo più responsabile. Un approccio olistico che si basa su tre dimensioni essenziali: Fa bene al Pianeta, Fa bene alle Persone e l’ultima, Fa bene a Te, dedicata al cliente, che è la conseguenza e l’unione naturale delle prime due.

Sostenibilità e aiuto all’ambiente: la parola a Massimiliano Silvestri, Presidente Lidl Italia

Massimiliano Silvestri, Presidente Lidl Italia, ha commentato: “Stiamo vivendo un periodo di profondo cambiamento. Anche dal punto di vista climatico, assistiamo a fenomeni meteorologici sempre più estremi che mettono in seria difficoltà le produzioni agricole e non solo. Nonostante questo contesto sempre più complesso e interconnesso, tutti i nostri impegni in ambito di
responsabilità sociale non sono cambiati, anzi, sono stati riconfermati con ancora più convinzione. In qualità di catena di supermercati, infatti, abbiamo non solo la facoltà, ma anche il dovere, di esercitare la nostra influenza in ogni ambito del nostro agire quotidiano per dare un contributo concreto all’ambiente e alla società
”.

Efficenza in campo energetico e più presidio alle rinnovabili

Significativi sono i risultati ottenuti a livello ambientale per la tutela del clima: sono stati risparmiati oltre 5 milioni di kWh in illuminazione e oltre 8 milioni di kWh grazie a più di 7.000 interventi di efficientamento energetico sulle pertinenze. Lidl ha puntato anche sull’energia rinnovabile: 100% del consumo totale di energia deriva da fonti rinnovabili e il 4% dell’energia elettrica utilizzata proviene da autoproduzione attraverso pannelli fotovoltaici.

Inoltre, si è registrato un sempre maggiore impiego di gas naturali per il raffreddamento dei prodotti nei centri logistici e nei punti vendita, parallelamente alla progressiva decarbonizzazione della flotta logistica che oggi vanta un terzo di mezzi alimentati a carburanti alternativi al diesel. In un’ottica di conservazione delle risorse, ma anche di contributo alla comunità, dal 2018 ad oggi l’Azienda ha recuperato e donato oltre 33.000 tonnellate di cibo in eccedenza (principalmente pane e prodotti da forno del giorno prima e ortofrutta non più perfetta esteticamente, ma ancora buona e sicura), equivalenti a più di 66.000.000 di pasti. Un aiuto reso possibile dalla proficua collaborazione con la rete Banco Alimentare.

Il cambiamento climatico causato dai gas serra è una delle più grandi sfide del nostro tempo. Con l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi, così come previsto dall’Accordo di Parigi e COP26, Lidl Italia si impegna a ridurre le proprie emissioni di Scope 1 e Scope 2 del 48% entro il 2030 rispetto al 2019, attraverso azioni concrete orientate nel tempo. Già dal 2022, l’Azienda è clima neutrale.

La parola ai consumatori, tra paure e comportamenti green

Con l’obiettivo di investigare il ruolo della Grande Distribuzione Organizzata e il suo impatto sugli stili di vita e sui consumi degli italiani in ambito sostenibilità, Lidl Italia ha commissionato una ricerca condotta da Community Research & Analysis sotto la direzione di Daniele Marini (Università di Padova). Dallo studio emerge che, tra le preoccupazioni principali degli italiani, il cambiamento climatico occupa il secondo posto (indicato dal 32,5% dei rispondenti), molto più urgente, invece,
agire sul costo della vita e l’aumento dei prezzi (51,2%). Al terzo posto il futuro dei giovani (22,9%).

La grande preoccupazione relativa al costo della vita si percepisce anche analizzando le abitudini di consumo: il 30% degli italiani dichiara di consumare di meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre solo il 10% dichiara di aver incrementato i consumi.

Per quanto riguarda i comportamenti ritenuti maggiormente sostenibili, invece, secondo gli italiani ci sono la raccolta differenziata (indicata dall’86% del campione), la riduzione dello spreco di cibo (83%) e il risparmio energetico (82%). In quest’ottica, il ruolo delle insegne della Grande Distribuzione Organizzata è ritenuto importante: il 60% degli italiani, in particolare, riconosce che la GDO sta realizzando iniziative che favoriscono una maggiore consapevolezza sui temi relativi alla
sostenibilità, ma il 90% di questi sostiene che le insegne dovrebbero fare di più.

Il Report di Sostenibilità 2021 – 2022 di Lidl Italia è consultabile integralmente qui.

Related Posts

Leave a Comment